omeopatia

Omeopatia

L'omeopatia è un metodo terapeutico basato sull'applicazione della "Legge di similitudine", la quale afferma che:
"Ogni sostanza capace a dosi ponderali (ossia elevate) di provocare dei sintomi in un soggetto sano, può, a dosi infinitesimali, guarire quegli stessi sintomi in un soggetto malato".
Ad esempio, se la puntura di un ape provoca in un soggetto sano bruciore, dolore, gonfiore e arrossamento, lo stesso veleno (Apis mellifica), a dosi omeopatiche, può curare ogni tipo di eruzione cutanea caratterizzata da gonfiore e arrossamento (eczema, orticaria, eritema solare). 

Le origini dell'omeopatia

Già Ippocrate nel III secolo a.C. e successivamente Pracelso (1493-1542) intuirono la legge di similitudine e l'importanza della "dose", ma fu un medico tedesco, Samuel Hahnemann (1755-1843), ad introdurre il termine omeopatia, dal greco omoios (simile, somigliante) e pathos (sofferenza, malattia).
Egli definì l'omeopatia in maniera completa in due opere fondamentali: "Organon" (1810) - nel quale definisce l'omeopatia come medicina basata sulla legge della similitudine "Materia medica pura" (1811-1821) nel quale raccoglie le osservazioni derivate dalla sperimentazione condotta su individui sani ai quali vengono somministrate sostanze attive.

Le caratteristiche dell'omeopatia

L'omeopatia è un'espressione della medicina caratterizzata da un approccio globale e personalizzato al malato. L'applicazione della legge di similitudine richiede di cogliere la totalità e l'individualità dell'esperienza umana, attraverso lo strumento privilegiato del dialogo tra medico e paziente.
Omeopatia significa soprattutto capacità di distinguere le caratteristiche reattive prorpie di ogni singolo malato; così la scelta del rimedio omeopatico più appropriato per il singolo paziente in funzione delle modalità reattive personali.

I vantaggi dell'omeopatia

  • I medicinali omeopatici sono preparati a partire da materie prime naturali dal mondo vegetale, animale e minerale.
  • L'uso di medicinali in piccole dosi assicura l'assenza di tossicità diretta e di effetti secondari.
  • L'omeopatia cura il paziente stimolando le risposte specifiche per il ripristino dell'equilibrio della salute.
  • L'omeopatia consente di trattare la malattia in maniera dolce, rapida ed efficace.
  • L'omeopatia osserva l'uomo nella sua totalità e individualità.
  • L'omeopatia propone un trattamento personalizzato.
  • L'omeopatia considera la persona inserita nel proprio contesto e secondo lo stile di vita della singola persona.
  • Nel rapporto medico-paziente viene valorizzato il dialogo per una comprensione del paziente.
  • L'assenza di tossicità rende l'omeopatia ideale per il trattamento di affezioni in età pediatrica, nella terza età ed in gravidanza.
  • L'omeopatia è perfettamente compatibile e complementare nei confronti altri metodi terapeutici. 

Le diluizioni omeopatiche

Le diluizioni infinitesimali impiegate in omeopatia sono la conseguenza logica del principio di similitudine: dal momento che vengono utilizzate spesso sostanze tossiche, è necessario somministrare una dose capace di stimolare la reazione del paziente senza ovviamente aggravarne i sintomi. Al contrario se ne elimina la tossicità e spesso se ne evidenziano nuove proprietà, soprattutto a livello psichico. 

Di seguito tutti i contenuti taggati con: omeopatia

Cura e Salute: omeopatia

Chi siamo: omeopatia

Categorie, E-shop, Omeopatia ed erboristeria: omeopatia

Siglacom - Internet Partner